Centrale Biometano di Latina Scalo: abbandonati a noi stessi!

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ieri pomeriggio si é tenuta la videoconferenza pubblica riguardante la centrale biometano di Latina Scalo ormai purtroppo in via di costruzione. Entro quest’anno presumibilmente sarà attivata e sarà quindi un’altra realtà con la quale noi cittadini di Latina Scalo dovremo convivere e probabilmente combattere. Come se non bastasse l’inceneritore della Corden Pharma, le varie società che operano nello smaltimento rifiuti sempre in zona, le varie società farmaceutiche tipo BSP e simili, l’aeroporto militare, la massa di traffico che attraversa l’arteria di via della stazione e le decine di antenne telefoniche ormai tutte convertite al 5G e chi più ne ha più ne metta. Per tutti quelli che pensano che l’evidenza é che questa maledetta centrale biometano non inquini e non sia pericolosa – e su questo c’é parecchio da discutere – pensi a tutto questo, e cioè a quanto questo territorio é già vessato da tutte queste servitù e situazioni e a quanto é malridotto: strade, servizi, sicurezza. E pensate meritassimo anche questa? Ieri in videoconferenza si é consumato l’ennesimo teatrino politico pre-elettorale che ha lasciato poco spazio ai problemi reali del territorio e di questa nuova installazione. Il “popolo” si preoccupa degli odori, dell’olezzo e del traffico di camion che potrebbe generare la centrale ma dobbiamo capire tutti che il problema é un altro: quella centrale non doveva proprio esserci nel nostro territorio. Noi di Latinascalo.org abbiamo rivolto diverse domande agli intervenuti all’incontro, ma parliamo purtroppo di un progetto quale la centrale biomentano che nell’arco degli anni si é trasformata cercando di divincolarsi dai fallimenti del modello tecnologico e dalle restrizioni ed ora, in questa nuova veste, attende di essere di nuovo oggetto di verifiche e forse di nuovi fallimenti ma questa volta in produzione. Un progetto quello su Latina Scalo che é ora in sub-sub-sub appalto e nel quale é entrato un partner tecnologico a tirare fuori dai guai e dai cavilli tecnici i rampanti industriali di turno che bramano la nuova ricchezza; ma si sà, quando si tratta di soldi europei c’é da mangiare per tutti e poi quando scoppia il casino si salvi chi può: ma in mezzo ai guai rimaniamo noi cittadini. Tutto a posto per la politica. Il Sindaco ha esordito dicendo che il progetto gli é “cascato sulla testa” proveniente dall’amministrazione precedente e poi ha seguito il suo iter burocratico che si é avviluppato più volte ma alla fine eccoci! Quindi non é colpa sua e nemmeno dei suoi predecessori. Nessuno però ha fatto nulla per evitare tutto questo, evitarci questo ulteriore fardello, sia nostro che dei nostri figli. L’opposizione politica: grande assente. Pensano alle potature, ai daini e sono nella confort zone dello smart working. E chi li smuove? Indecente! Poi c’é da dire che d’altronde questa amministrazione vuole su di se certe scelte, e pur mascherandosi da populista in realtà applica una vera e propria dittatura della monnezza che porta avanti nel peggiore dei modi. Durante l’incontro abbiamo rivolto anche la seguente domanda: “domanda per il Sig. Sindaco: ma lei non pensa di aver condannato la comunità di Latina Scalo ad essere vittima perenne degli scarichi chimici?”. Secondo voi ha risposto? Di seguito trovate il video dell’intero incontro. Queste cose potete trovarle solo su LatinaScalo.org ricordatelo! Noi siamo sempre qui a disposizione se volete dire la vostra. Per maggiori informazioni seguite il canale tematico sulla centrale biometano di Latina Scalo sul nostro sito web, nel quale troverete tutti gli articoli sull’argomento. Iscrivetevi se volete al nostro canale YouTube e continuate a seguiteci sul nostro sito e sui nostri social FacebookInstagramTwitter! Mettete per favore un bel “mi piace” alla nostra pagina Facebook e lasciateci i vostri commenti dove volete, grazie.

 

Redazione Latinascalo.org

Gruppo Redazione Latinascalo.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *